Il Forum di johnkennedy.it Il forum sull'assassinio di John Fitzgerald Kennedy

chi mi spiega il caso Nixon???

  • Posts
  • OFFLINE
    LADYJ.
    Post: 56
    Registered in: 10/30/2003
    Novizio
    00 12/2/2007 3:06 PM
    tempo fa vidi un documentario su Nixon quando fu costretto a lasciare la casa bianca , ma per mia sfortuna ho iniziato a vederlo quasi alla fine e non ci ho capito molto!! [SM=g27813]
    ho provato su internet , ma sara' che ora ho una forte emicrania e non ci ho capito neanche li' molto!!! [SM=g27818]
    staro' mica regredendo??? [SM=g27825]
    chi gentilmente mi spiega perche' fu costretto a lasciare la casa bianca e da chi??? [SM=g27833]
    sara' mai peggio di quanto bush ci sta regalando in questi anni??? [SM=g27829]
    grazie [SM=g27811]
    [Edited by LADYJ. 12/2/2007 3:13 PM]
  • OFFLINE
    carmelo pugliatti
    Post: 1,338
    Registered in: 12/17/2002
    Veterano
    00 12/2/2007 6:41 PM
    No,credo che Bush jr sia incomparabilmente peggio (con l'eccezione forse di Warren Harding) http://it.wikipedia.org/wiki/Warren_G._Harding .

    Per capire Nixon bisogna tornare indietro alla sua infanzia.

    Nato in California da famiglia modesta,
    un fratello maggiore amatissimo morto di tubercolosi davanti ai suoi occhi,
    Richard Nixon riuscì a costo di sacrifici e duro lavoro a laurearsi in legge alla Duke University nel 1937,dopo aver dovuto rinunciare alla prestigiosissima Università di Harvard per mancanza di mezzi economici.

    A causa di questi inizi,per le sue fragilità ed il suo aspetto, per tutta la vita si sentì goffo ed inadeguato.

    Nel 1940 sposò Pat Ryan da cui ebbe due figlie e che amò per tutta la vita.

    Dopo aver iniziato la carriera di avvocato lasciò il lavoro per servire in marina durante la II guerra mondiale.

    Nel 1946 Nixon intraprese la carriera politica divenendo deputato,e presto si mise in luce presso il grande pubblico come membro particolarmente attivo della commissione per le attività anti-americane.

    In questo ruolo accusò Alger Hiss,un alto funzionario del dipartimento di stato, come spia sovietica.

    Il caso fu controverso,Hiss si proclamò sempre innocente, e per molti anni Nixon fu ferocemente attaccato come un persecutore.

    Tuttavia nel 1992 dopo la caduta dei regimi comunisti documenti di provenienza ungherese smascherarono Hiss come spia (nome in codice ALES)a favore di Mosca.

    Nel 1952 Nixon ,all'età di 39 anni, fu eletto vicepresidente di Eisenhower,malgrado i suoi avversari politici avessero tentato di farlo cadere accusandolo di aver intascato fondi da parte di sostenitori (Nixon si difese rivolgendosi direttamente al popolo Americano durante una trasmissione televisiva,ed ottenne un grande successo).

    Nel 1960, Richard Nixon ottenne la nomination Repubblicana alla Presidenza degli Stati Uniti.Partiva come candidato favorito,ma il suo avversario Democratico,John F. Kennedy sostenuto oltre che dalle propie grandi capacità e dall'immenso patrimonio di famiglia, anche da un aspetto particolarmente avvenente riuscì a batterlo grazie ad alcuni leggendari dibattiti televisivi.

    Chi aveva ascoltato per i radio i dibattiti,intervistato dichiarò che Nixon era stato di gran lunga più convincente,ma alla televisione,dimagrito per una recente malattia,e sfavorito dalla regia TV che aveva letteralmente cucito il programma addosso a Kennedy (in abito scuro perchè aveva anticipatamente saputo che lo sfondo sarebbe stato chiaro,mentre Nixon in grigio risultava sbiadito e quasi invisibile).

    Nonostante ciò Kennedy vinse per un soffio in una delle più controverse elezioni della storia Americana (su cui pesarono anche accuse di brogli pro-Kennedy da parte della mafia su mandato del padre di JFK,Joseph,e tramite i buoni uffici di Frank Sinatra).

    La sconfitta rappresentò per Nixon un punto di svolta nel suo carattere.

    Sicuro a torto o a ragione di essere stato derubato della carica a causa degli "sporchi trucchi"della famiglia Kennedy si convinse che era necessario giocare duro e sporco (da quì il sopranome di "Tricky Dick",ossia,"Ricciardino truffaldino",affibiatogli dai suoi detrattori).

    Dopo un ennesima umiliante sconfitta come governatore della California nel 1962,Nixon si ritirò a vita privata.

    Nel 1968 la situazione dell'America e del mondo era profondamente cambiata.

    L'amministrazione democratica aveva precipitato gli Stati Uniti nell'incubo della guerra in Vietnam,le strade delle grandi città erano teatro di disordini razziali,le università erano in fiamme.

    Nixon si convinse a ripresentarsi come Presidente,e questa volta vinse dichiarando di avere "un piano segreto" per far cessare la guerra in Vietnam.

    In realtà non aveva alcun piano,si era trattato di un trucco come quelli che diceva di aver imparato dai Kennedy.

    Inoltre Nixon è sospettato di aver fatto fallire manovrando dietro le quinte i negoziati di pace durante la campagna Presidenziale del 1968.

    Se Richard Nixon fosse stato eletto nel 1960,sarebbe stato con ogni probabilità un buon Presidente ed avrebbe goduto di un alto grado di popolarità,
    ma negli anni della contestazione,con una guerra odiosa da gestire,una guerra che aveva gravemente danneggiato il prestigio degli Stati Uniti e minato l'economia della nazione,Nixon divenne il bersaglio preferito per metà dell'America.

    A causa di questi attacchi il suo carattere divenne ancor di più cupo ed insicuro.

    Fu questo che alla fine lo condusse alla rovina.

    In politica estera come in politica interna faceva un uso massiccio dei servizi segreti:
    infatti, fece spiare molti dei suoi avversari e dei suoi stessi collaboratori (per questo venne additato addirittura come paranoico).

    Malgrado ciò la sua fu una Presidenza moderata.

    L'amministrazione proseguì sulla strada dei diritti civili per la minoranza di colore,e si impegnò per il raggiungimento della coesistenza pacifica con l'Unione Sovietica e la limitazione degli armamenti.

    Di importanza storica fu l'apertura alla Cina comunista con lo storico viaggio del Presidente in quel paese.
    [Edited by carmelo pugliatti 5/27/2008 1:26 AM]
    carmelo pugliatti
  • OFFLINE
    carmelo pugliatti
    Post: 1,339
    Registered in: 12/17/2002
    Veterano
    00 12/2/2007 6:56 PM
    Capito il personaggio,veniamo adesso al Watergate.

    Ecco un ottimo resoconto da Wilkipedia:

    Lo scandalo Watergate, o semplicemente il Watergate, fu uno scandalo politico scoppiato negli Stati Uniti nel 1972, che portò alla richiesta di impeachment e alle dimissioni dell'allora Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon.

    La vicenda prese il nome dal Watergate Complex, il complesso edilizio di Washington che ospita il Watergate Hotel, l'albergo in cui furono effettuate le intercettazioni che diedero il via allo scandalo.

    Il "Watergate" fu una serie di eventi che durò circa due anni (1972-1974) e che era iniziato con l'abuso di potere da parte dell'amministrazione Nixon allo scopo di indebolire l'opposizione politica dei movimenti pacifisti e del Partito democratico.



    Il 17 giugno 1972 Frank Wills, una guardia di sicurezza che lavorava nel complesso di uffici del Watergate Hotel a Washington, notò un pezzo di nastro sulla porta fra il pozzo delle scale e il parcheggio sotterraneo.

    Stava mantenendo la porta socchiusa, così Wills lo rimosse, assumendo che l'avesse messo lì l'impresa di pulizia.

    Più tardi ritornò e scoprì che il nastro era stato rimpiazzato.

    Così Wills contattò la polizia di Washington.

    Dopo che la polizia arrivò, cinque uomini - Bernard Barker, Virgilio González, Eugenio Martínez, James W. McCord Jr. e Frank Sturgis - furono scoperti ed arrestati per essere entrati nel quartier generale del Comitato nazionale democratico, la principale organizzazione per la campagna e la raccolta fondi del Partito democratico.

    Gli uomini erano entrati nello stesso ufficio anche tre settimane prima, ed erano tornati per riparare le cimici telefoniche che non funzionavano e, secondo alcuni, per fare delle fotografie.

    Il bisogno di tornare nell'ufficio fu solo il più evidente di una serie di errori commessi dagli scassinatori.

    Un altro, il telefono di E. Howard Hunt sul blocco note di McCord, si rivelò costoso per loro - e per la Casa Bianca - quando la polizia lo trovò. Hunt aveva precedentemente lavorato per la Casa Bianca, e McCord era ufficialmente impiegato come capo della sicurezza al Comitato per rieleggere il presidente .

    Questo in breve suggeriva che ci fosse una connessione fra gli scassinatori e qualcuno vicino al presidente.

    Ad ogni modo, l'addetto stampa di Nixon - Ron Ziegler - rigettò l'affare come un "furto di terz'ordine".

    Sebbene lo scasso avvenisse in un momento sensibile, con la campagna elettorale che appariva all'orizzonte, molti americani inizialmente credettero che nessun presidente col vantaggio che Nixon aveva nei sondaggi sarebbe stato così sconsiderato o privo di etica da rischiare la sua associazione in un affare del genere.

    Una volta accusato, lo scassinatore McCord si identificò come un'agente della CIA in pensione.

    L'ufficio del procuratore del distretto di Washington iniziò un'investigazione sui rapporti fra McCord e la CIA e finì per dimostrare che McCord aveva ricevuto pagamenti dal comitato per la rielezione del Presidente.

    Il reporter del Washington Post Bob Woodward e il suo collega Carl Bernstein iniziarono un'investigazione sullo scasso.

    Molto di quello che pubblicavano era noto al Federal Bureau of Investigation (FBI) e ad altri investigatori governativi - questi erano spesso le fonti di Woodward e Bernstein - ma in tal modo il Watergate si mantenne sotto la luce dei riflettori.

    Il rapporto di Woodward con una fonte segreta di altissimo livello aggiungeva un livello di mistero in più alla questione.

    Il nome in codice di questa fonte era "Gola profonda" e la sua identità fu tenuta nascosta al pubblico. Decenni di speculazioni finirono il 31 maggio 2005, quando W. Mark Felt, il numero due dell'FBI nei primi anni 70, rivelò che era lui Gola profonda, una confessione successivamente confermata da Woodward.

    Il 23 giugno il presidente Nixon e il Capo di Staff della Casa Bianca H.R. Haldeman furono registrati (una pratica standard, ma segreta di Nixon) mentre discutevano dell'uso della CIA per ostacolare le investigazioni dell'FBI sul Watergate.

    Nixon pretendeva che la sicurezza nazionale potesse essere messa a rischio.

    Infatti il crimine e numerosi altri "giochetti sporchi" erano stati intrapresi a vantaggio del comitato per la rielezione, soprattutto sotto la direzione di Hunt e G. Gordon Liddy.

    La coppia aveva anche lavorato alla Casa Bianca nell'unità speciale di investigazione soprannominata "gli idraulici".

    Questo gruppo investigava sulle fughe di notizie che l'amministrazione non voleva fossero conosciute pubblicamente e portò avanti varie operazioni contro i Democratici e gli oppositori alla guerra in Vietnam.

    La più famosa delle loro operazioni fu l'irruzione nell'ufficio dello psichiatra Daniel Ellsberg.

    Ellsberg, un ex impiegato del Pentagono e del Dipartimento di stato, aveva fatto trapelare le "carte del Pentagono" al New York Times e come risultato fu perseguito per spionaggio, furto e cospirazione. Hunt e Liddy non trovarono niente di utile comunque, e devastarono l'ufficio per coprire le proprie tracce. L'irruzione fu collegata con la Casa Bianca solo molto dopo, ma al momento causò il collasso del processo di Ellsberg per evidente cattiva amministrazione del governo.

    L'8 gennaio 1973 gli scassinatori originali, insieme a Liddy e Hunt, subirono il processo.

    Tutti eccetto McCord e Liddy si dichiararono colpevoli, e tutti furono condannati per cospirazione, furto con scasso e intercettazioni telefoniche.


    Le udienze tenute dal Comitato senatoriale sul Watergate, in cui il consigliere della Casa Bianca John Dean era il principale testimone e in cui molti altri ex impiegati in posti chiave dell'amministrazione diedero una testimonianza drammatica, furono messe in onda dal 17 maggio al 7 agosto, causando un danno politico devastante a Nixon. Fu stimato che l'85% degli americani possessori di tv si sintonizzò almeno per una porzione delle udienze.

    Cosa più nota, il senatore repubblicano Howard Baker del Tennessee formulò la memorabile domanda "Cosa sapeva il presidente e quando venne a saperlo?" che per la prima volta focalizzò l'attenzione sul ruolo personale di Nixon nello scandalo.

    Il 13 luglio, il vice consigliere del Comitato Watergate Donald G. Sanders chiese ad Alexander Butterfield, vice assistente al presidente, se ci fosse un qualche tipo di sistema di registrazione alla Casa Bianca.

    Butterfield rispose che sebbene fosse riluttante a dirlo, c'era un sistema che automaticamente registrava ogni cosa nello Studio Ovale. Tale sistema era in uso fin dai tempi di Kennedy.

    La rivelazione shockante trasformò radicalmente le indagini sul Watergate.

    I nastri furono subito citati contemporaneamente dall'accusatore particolare (special prosecutor colui che si occupa delle indagini) Archibald Cox e dal senato, perché potevano provare se Nixon o Dean stavano dicendo la verità sugli incontri chiave.

    Nixon rifiutò usando il principio del privilegio dell'esecutivo e ordinò a Cox, attraverso il procuratore generale Richardson, di lasciar cadere la sua citazione in giudizio.

    Il rifiuto di Cox portò al "massacro del sabato sera" il 20 ottobre 1973, quando Nixon obbligò alle dimissioni il procuratore generale Richardson e il suo vice William Ruckelshaus, in cerca di qualcuno al Dipartimento di giustizia intenzionato a licenziare Cox.

    Questa ricerca finì con l'avvocato generale Robert Bork che fece quanto gli era stato chiesto e licenziò l'accusatore particolare Cox. Le asserzioni di malfunzionamento del governo indussero Nixon alla famosa frase, "non sono un imbroglione" il 17 novembre di fronte a 400 editori dell'Associated Press riuniti al Walt Disney World in Florida.


    Nixon, comunque, fu forzato a permettere l'insediamento di un nuovo accusatore particolare, Leon Jaworski, che continuò l'indagine. Mentre continuava a rifiutare di mostrare i nastri originali, Nixon acconsentì a rilasciare un gran numero di trascrizioni di essi.

    Queste confermavano largamente il resoconto di Dean, e causarono ulteriore imbarazzo quando si venne a sapere che era stata cancellata una parte cruciale di 18 minuti e mezzo di un nastro, che non era mai stata fuori dalla custodia della Casa Bianca.

    La Casa Bianca accusò di ciò la segretaria di Nixon, Rose Mary Woods, che disse di aver accidentalmente cancellato il nastro schiacciando il pedale sbagliato rispondendo al telefono.

    Ad ogni modo, viste le foto che riempivano le pagine dei giornali, il tentativo di rispondere al telefono e contemporaneamente schiacciare il pedale avrebbe richiesto uno stiramento quantomeno da ginnasta professionista.

    La donna disse che aveva mantenuto quella posizione per 18 minuti e mezzo. Più tardi le analisi forensi determineranno che il vuoto era stato cancellato ripetutamente - circa nove volte - escludendo l'ipotesi della "cancellazione casuale".

    La questione dei nastri alla fine arrivò alla Corte suprema.

    Il 24 giugno 1974 la corte affermò all'unanimità che la richiesta di Nixon di usare il privilegio dell'esecutivo sui nastri era inammissibile e inoltre gli ordinarono di consegnarli a Jaworski.

    Il 30 luglio Nixon eseguì l'ordine e rilasciò i nastri incriminati.

    Il 28 gennaio 1974, uno dei collaboratori per la campagna di Nixon, Herbert Porter, ammise pubblicamente le proprie colpe per l'accusa di aver dato falsa testimonianza all'FBI durante la prima fase delle indagini sullo scandalo Watergate.

    Il 25 febbraio 1974 il difensore personale di Nixon, l'avvocato Herbert Kalmbach ammise a sua volta di essere colpevole di almeno due imputazioni di attività illegali durante la campagna elettorale del Presidente, in seguito allo stesso Kalmbach vennero fatte decadere altre accuse in cambio della sua collaborazione durante il processo.


    Il 1 marzo 1974 lo staff di aiutanti di Nixon per la sua campagna elettorale, noto con il nome di Sette di Watergate,
    vennero tutti condannati con l'accusa di aver cercato di ostacolare e inquinare le indagini sullo scandalo Watergate.

    Nello stesso processo il Gran Giurì indicò, anche se non pubblicamente, lo stesso Nixon per aver cooperato indirettamente alle attività dei suoi collaboratori.

    Il 7 aprile 1974 il Gran Giurì accusò il governatore repubblicano della California Ed Reinecke di spergiuro di fronte alla Commissione del Senato Americano.

    Il 5 aprile 1974 uno dei segretari personali di Nixon, Dwight Chapin fu accusato di falsa testimonianza di fronte al Gran Giurì.

    A causa di queste accuse a molti dei suoi collaboratori, la posizione di Nixon era sempre più compromessa, fu così che la Camera dei Rappresentanti decise di intraprendere una inchiesta formale per un possibile impeachment del Presidente.

    Il 27 luglio 1974 la Commissione Giudicante per la Casa dei Rappresentati votò a favore dell'impeachment di Nixon con una votazione di 27 a favore e 11 votanti, per l'accusa di aver ostacolato il corso delle indagini.

    Il 29 luglio 1974 e il 30 luglio 1974, la stessa Commissione Giudicante imputò al Presidente Nixon altre due accuse, abuso di potere e ostacolo al Congresso.

    Nel mese di agosto venne scoperta una cassetta registrata il 23 giugno 1972 nella quale era conservata una conversazione tra Nixon e Haldeman i quali pianificavano di ostacolare le indagini sullo scandalo facendo trasmettere un falso comunicato da parte della CIA rivolto all'FBI sulla necessità di copertura delle prove per motivi di sicurezza nazionale.

    La scoperta di questa cassetta venne definita dalla stampa una vera e prorpia pistola ancora fumante.

    Con poche eccezioni, le defezioni tra le fila dei pochi sostenitori rimasti di Nixon furono complete.

    Nixon decise di dimettersi il 9 Agosto del 1974.

    Lasciata la Presidenza, Nixon si dedicò alla cura della biblioteca che porta il suo nome, e nel corso degli anni riuscì a riprendere un certo ruolo nell'amministrazione americana come apprezzato consigliere di politica estera.

    Morì nel 1994 ormai perdonato da un'America che ne aveva frattanto rivalutato i meriti, e l'allora presidente Bill Clinton volle gli fossero resi gli onori militari.




    [Edited by carmelo pugliatti 5/27/2008 1:18 AM]
    carmelo pugliatti
  • OFFLINE
    !presidente!
    Post: 443
    Registered in: 5/27/2005
    Veterano
    00 5/22/2008 7:17 PM
    "Tutti gli uomini del presidente" è un film degli anni '70, protagonisti Dustin Hoffmann e Robert Redford, che può aiutare a comprendere il caso Watergate.
  • OFFLINE
    LADYJ.
    Post: 66
    Registered in: 10/30/2003
    Novizio
    00 5/23/2008 4:22 PM
    grazie sig.pugliatti
    e' sempre molto gentile!!!!!! [SM=g27811]

    quanto al film ,beh provero', non l'ho mai visto!!!!! [SM=g27811]
    thanks [SM=g27823]
  • OFFLINE
    carmelo pugliatti
    Post: 1,418
    Registered in: 12/17/2002
    Veterano
    00 5/27/2008 1:22 AM
    Consiglio anche "Nixon",di Oliver Stone.
    Non tanto per la ricostruzione storica (anche in questo caso con molte "licenze"),ma per la straordinatia interpretazione di Anthony Hopkins.
    A sorpresa Stone è molto tenero con Richard Nixon.
    carmelo pugliatti
  • OFFLINE
    !presidente!
    Post: 449
    Registered in: 5/27/2005
    Veterano
    00 5/27/2008 8:44 AM
    Con nessun presidente Usa si può esser teneri più di tanto....
  • OFFLINE
    Demonfly
    Post: 336
    Registered in: 8/21/2003
    Frequentatore
    00 5/27/2008 11:38 AM
    Per i curiosi, sia Sturgis che Hunt fanno parte della galassia Kennedy... molti hanno notato la somiglianza (ovviamente casuale) tra Hunt e uno dei tre vagabondi. E, se non ricordo male, tra Sturgis e un altro dei tre vagabondi.
  • OFFLINE
    carmelo pugliatti
    Post: 1,419
    Registered in: 12/17/2002
    Veterano
    00 5/27/2008 9:20 PM
    Del caso dei "vagabondi" se ne è parlato nel forum fino alla nausea (vedere l'archivio).
    Sono stati tutti identificati con nome e cognome,ed erano davvero dei vagabondi.
    Se Sturgis e Hunt avessero partecipato ad un eventuale complotto per assassinare Kennedy, sicuramente JFK sarebbe morto di vecchiaia nel suo letto,data l'astuzia e l'efficenza di questi signori.
    carmelo pugliatti
  • OFFLINE
    !presidente!
    Post: 451
    Registered in: 5/27/2005
    Veterano
    00 5/28/2008 9:27 AM
    Se anche si volesse dubitare dell'unico cecchino, io nn credo che si debba partire dai 3 vagabondi. Sarebbero altre le cose da poter contestare (se si può...)
  • OFFLINE
    Demonfly
    Post: 337
    Registered in: 8/21/2003
    Frequentatore
    00 5/29/2008 1:12 PM
    Re:
    carmelo pugliatti, 27/05/2008 21.20:

    Del caso dei "vagabondi" se ne è parlato nel forum fino alla nausea (vedere l'archivio).
    Sono stati tutti identificati con nome e cognome,ed erano davvero dei vagabondi.
    Se Sturgis e Hunt avessero partecipato ad un eventuale complotto per assassinare Kennedy, sicuramente JFK sarebbe morto di vecchiaia nel suo letto,data l'astuzia e l'efficenza di questi signori.



    1) Non ho mai dubitato che fossero vagabondi. Entrano nella storia, ma come vagabondi.
    2) Quanto all'efficienza, un altro dei possibili tiratori fu arrestato per l'omicidio di MLK... anche lui in modo analogo.



  • OFFLINE
    LADYJ.
    Post: 76
    Registered in: 10/30/2003
    Novizio
    00 5/30/2008 11:54 PM
    Re: Re:
    Demonfly, 29/05/2008 13.12:



    1) Non ho mai dubitato che fossero vagabondi. Entrano nella storia, ma come vagabondi.
    2) Quanto all'efficienza, un altro dei possibili tiratori fu arrestato per l'omicidio di MLK... anche lui in modo analogo.







    scusa forse la stanchezza mi manda in tilt a quest'ora[SM=g27828]
    ma vuoi dire che il tiratore dell'omicidio di mlk e' lo stesso del presidente? [SM=g27818]
    oppure ho capito io male? [SM=g27825]

    [Edited by LADYJ. 5/30/2008 11:57 PM]